Il Blog !

Perchè Giano Lambrusco Mantovano Biologico

Perchè Giano

Dedicato al dio Giano Bifronte, una delle divinità più antiche e importanti della religione romana, latina e italica, Giano nell'epoca arcaica era semplicemente il dio legato ai cicli naturali, poi con il passare del tempo il suo mito divenne sempre più complesso.

Per i romani Giano non era figlio di alcun'altra divinità (ad esempio Giove è figlio di Saturno), ma, proprio per la sua qualità di pater divorum (padre degli dei), egli era sempre stato, immanente, fin dall'origine di ogni cosa.

Così è che Giano, ci racconta Ovidio ne i Fasti,era presente allorché i quattro elementi si separarono tra di loro dando forma ad ogni cosa.

A tal proposito Varrone riporta nel carmen anche l'epiteto di Cerus cioè "creatore", perché come iniziatore del mondo Giano è il creatore per eccellenza. Il console e augure Marco Valerio Messalla Rufo scrive nel libro sugli Auspici che Giano è colui che plasma e governa ogni cosa e unì circondandole con il cielo l'essenza dell'acqua e della terra, pesante e tendente a scendere in basso, e quella del fuoco e dell'aria, leggera e tendente a sfuggire verso l'alto, e che fu l'immane forza del cielo a tenere legate le due forze contrastanti.

Settimio Sereno lo chiama "principio degli dèi e acuto seminatore di cose". Giano presiede a tutti gli inizi e i passaggi e le soglie, materiali e immateriali, come le soglie delle case, le porte, i passaggi coperti e quelli sovrastati da un arco, ma anche l'inizio di una nuova impresa, l' inizio dell' anno, della vita umana, della vita economica, del tempo storico e di quello mitico, della religione, degli dèi stessi, del mondo, dell'umanità (viene infatti chiamato Consivio, cioè propagatore del genere umano, che viene seminato per opera sua, della civiltà, delle istituzioni.

Tags: Giano fondo bozzole

← Indietro Blog